@GreenDropAward: quando il Cinema si fa verde. Il Vademecum per vincere il premio a Venezia2014

greendrop5REGOLE

Gli organizzatori del Green Drop Award, il premio che viene assegnato al film che meglio interpreta la sostenibilità tra quelli in gara alla 71a Mostra del Cinema di Venezia, hanno stilato un vademecum per permettere al pubblico e agli addetti ai lavori di scoprire se e quanto i film in concorso sono sensibili alle tematiche ambientali.Giunto alla sua terza edizione, il Green Drop Award è organizzato da Green Cross Italia e Città di Venezia, e anche quest’anno vedrà sfilare sul “green carpet” personalità del mondo dello spettacolo, della cultura e della scienza per promuovere i valori dell’ecologia attraverso il cinema.

Da Avatar a Le Meraviglie, anche i film possono avere un cuore green.E per scoprire il lato ‘sostenibile’ di quelli in concorso alla 71a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia, gli organizzatori del Green Drop Award, il premio che Green Cross Italia e Città di Venezia assegnano al film  – tra quelli in concorso – che interpreta meglio i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, hanno stilato un vademecum per dare al pubblico e agli addetti ai lavori gli strumenti per godersi la Mostra con occhio green.

 

La prima regola è che, per giudicare una pellicola con un’ottica verde, è indispensabile scoprire se e quanto mette in evidenza una problematica ecologica, sia attraverso una crisi che con le sue soluzioni.Regola numero due: accertarsi che il tema sia trattato con correttezza scientifica e onestà intellettuale, nei limiti di quella che gli esperti chiamano “sospensione dell’incredulità”. Anche un film di fantascienza, per esempio, può essere ecologico, purché il problema affrontato sia reale o la metafora di uno reale.Terzo: non c’è limite – purtroppo – ai temi che possono essere trattati: cambiamenti climatici, estinzione delle specie, maltrattamento degli animali, scarsità delle risorse alimentari, idriche o energetiche, disastri ambientali, inquinamento.Quarto: anche i temi della pace, della solidarietà e della cooperazione rientrano fra quelli ‘green’, perché non può esserci rispetto per l’ambiente se non c’è rispetto per il prossimo.

 

“C’è poi una quinta regola che ci auguriamo possa essere applicata con sempre maggiore facilità, nel prossimo futuro: quella della produzione” ha dichiarato Marco Gisotti, direttore del Green Drop Award. “Sono pochissimi i film che oggi possono sfoggiare certificazioni di produzione ‘green’, ma l’attenzione verso stili di vita più sostenibili è sempre più importante. In futuro un film che voglia raccontare una storia a sfondo ecologico dovrà essere coerente fino in fondo e dimostrare, attraverso adeguate certificazioni, non solo di non aver inquinato, consumato energia, sprecato cibo, ecc., ma anche di aver fatto qualcosa per migliorare l’ambiente”. Il premio Green Drop Award è infatti assegnato da Green Cross Italia e dalla Città di Venezia al film, fra quelli in gara nella selezione ufficiale della Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia, che “meglio abbia interpretato i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del Pianeta e dei suoi ecosistemi per le generazioni future, agli stili di vita e alla cooperazione fra i popoli”.Ha il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, del Presidente della Regione del Veneto e dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Venezia. Quest’anno godrà del sostegno dell’ANAC(Associazione Nazionale Autori Cinematografici), dell’ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e il PNRA (Programma nazionale di ricerche in Antartide). La Giuria è composta da personalità del mondo dello spettacolo, della cultura, delle istituzioni, del volontariato o della scienza che si sono distinte per il loro impegno ecologista e per la pace fra i popoli. Per la prima edizione del premio il presidente di giuria è stato Ermanno Olmi, mentre lo scorso anno il regista Mimmo Calopresti.Il trofeo Green Drop, soffiato dal maestro vetraio Simone Cenedese di Murano, rappresenta una goccia d’acqua al cui interno trova posto un campione di terra che quest’anno proviene dall’Antartide.

Qui il press kit: https://www.dropbox.com/sh/5jffp7k7r7v905l/AADRfRL2VEBUdSIDLcpEhCPeaMaggiori informazioni su: www.greendropaward.com

Ufficio stampa Green Drop Award:Press Play – Comunicazione e pubbliche relazioniAlessandro Tibaldeschi | +39 333 6692430 | ale@agenziapressplay.it

Ufficio stampa Green Cross ItaliaAnna Moccia | +39 338 4460056 | anna.moccia@greencross.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...