Il Second-hand fa bene all’ambiente e alle finanze

Da qualche anno il mondo della moda ha abbracciato il tema della sostenibilità. Il nostro stile, il modo in cui ci vestiamo, è un risultato dell’ambiente in cui viviamo, tra contaminazioni e influenze sociali e culturali. Un mondo in cui il nuovo ciclo di riutilizzo dei capi usati sta avendo un forte impatto, con una crescita notevole negli ultimi anni. Alla base di questo pensiero c’è la second hand economy, la compravendita di articoli pre-owned che riduce l’impatto ambientale dei consumi anche del mondo della moda, e che è al 3° posto tra i gesti sostenibili maggiormente praticati dagli italiani, secondo l’Osservatorio Second Hand Economy 2020 condotto da BVA Doxa per Subito*.

Sostenibilità e una maggiore attenzione nella scelta delle proprie azioni quotidiane hanno reso i consumatori più interessati al recupero di capi e tessuti, in contro tendenza con la moda veloce e “usa e getta”. In linea con questo interesse, nel 2020 ben 23 milioni di italiani hanno fatto ricorso alla second hand, generando un valore economico pari a 23miliardi* di Euro. E il settore della moda ne è sempre più coinvolto, basti pensare che l’abbigliamento risulta al 4° posto tra le categorie dove si è comprata second hand online, con il 22% degli italiani che dichiara di averlo fatto almeno una volta, e addirittura al 2° tra quelle dove si è venduto (28%), con una media di 4 capi l’anno tra abbigliamento, accessori e capi vintage.

I benefici di questa scelta sostenibile sono concreti e misurabili: partendo dal presupposto che ogni oggetto pre-owned ne sostituisca uno nuovo e abbia una nuova vita che lo allontana dalla discarica, è possibile calcolare con il metodo LCA (Life Cycle Assessment) il risparmio in termini di emissioni di CO2 legate al processo di produzione e smaltimento potenzialmente evitato.  La ricerca Second Hand Effect 2020, condotta dall’Istituto Svedese di Ricerca Ambientale (IVL) per Subito, ha rilevato che grazie alla compravendita di oltre 1 milione di articoli su Subito sono state risparmiate quasi 8.000 tonnellate di CO2!

Un grande risultato fatto di molte piccole azioni: ogni singolo vestito o accessorio comprato o venduto usato ha il suo “peso” in termini di emissioni di anidride carbonica.  Per questo comprando anche un solo capo usato invece che nuovo, si può fare la differenza. Ma quanta?

Con un paio di scarpe usate risparmiamo 19kg di anidride carbonica al Pianeta, e chi sa quanti hanno quel paio di stivali presi per sfizio e poi mai indossati che potrebbero fare la gioia di un nuovo paio di piedi! Accaparrarsi un bomber pre-loved non è solo una soddisfazione, ma significa anche non immettere nell’ambiente 13kg di CO2. Fino ad arrivare a 33,4kg nel caso degli intramontabili denim, che vintage danno un tocco di stile davvero unico.  Una gonna o una t-shirt fanno risparmiare 2kg, sembra poco ma moltiplicati per il numero di t-shirt e gonne presenti in un armadio medio, possono raggiungere cifre notevoli.

Spesso fare scelte sostenibili o alternative sembra difficile e più complesso, ma in fatto di second hand la tecnologia dà un grande mano. Durante la pandemia la maggior parte dei servizi si è spostata verso l’online così, un po’ per cause di forza maggiore, un po’ per comodità, il 46% degli acquisti e delle vendite di usato è stato fatto online, generando da solo un valore di € 10,8 miliardi.  Il 44% degli italiani ammette di aver fatto second hand online proprio per la comodità di fare tutto senza uscire di casa. Ora questa abitudine si è consolidata ed è ancora più semplice grazie a nuovi servizi come TuttoSubito, che offre pagamento e spedizione integrati in piattaforma, direttamente da app.

La digitalizzazione della compravendita, in tutte le sue fasi, ha portato una maggiore comodità e tutela sia a chi è in cerca di un capo unico, sia a chi ha finalmente deciso di liberarsi di quel vestito che non mette più. TuttoSubito grazie alla protezione acquisti, permette di comprare e vendere con più serenità perché il pagamento resta al sicuro e custodito fino al momento in cui si è certi che l’acquisto sia andato a buon fine. Inoltre, la spedizione integrata prevede un servizio “door to door”, con ritiro del pacco a domicilio, tracciamento e assicurazione della spedizione.

Gli amanti della second hand, ma anche chi si vuole cimentare per la prima volta, con TuttoSubito hanno la possibilità di fare shopping sostenibile direttamente dal divano di casa propria, curiosando all’interno di uno showroom virtuale con oltre 615.000 annunci live ogni giorno nella categoria Abbigliamento&Accessori e la possibilità di poter contare su un pubblico di potenziali acquirenti di oltre 2 milioni di utenti che effettuano 13 milioni di ricerche al mese.

*Osservatorio Second Hand Economy 2020 condotto da BVA Doxa per Subito nel marzo 2021 su un campione rappresentativo della popolazione italiana attraverso 1.001 interviste CATI (Computer Aided Telephone Interviews) + 1.002 interviste CAWI (Computer Assisted Web Interviewing).

** Fonte Audiweb Total Digital Audience 2019

Fonte: comunicato stampa
Foto: Pixabay

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...