Concluso il GLOBAL POWER SHIFT a ISTANBUL. La delegazione di Italian Climate Network pronta a far partire il POWER SHIFT anche in Italia

Si è chiuso domenica 30 giugno alla Istanbul Technical University, il Global Power Shift (GPS), un evento globale che ha coinvolto oltre 500 donne e uomini tra i 20 e 40 anni, con lo scopo di creare un nuovo movimento internazionale per fermare il cambiamento climatico.

Global Power Shift, o GPS, evento organizzato dalla rete globale 350.org, nato dalla mente dell’ecologista americano Bill McKibben, ha come obbiettivo finale la diminuzione dell’uso dei combustibili fossili, responsabili in larga parte del cambiamento climatico e il raggiungimento di una bozza di accordo globale legalmente vincolante sul clima entro il 2014 (alla COP20 di Lima) con conseguente firma alla Conferenza sul Clima che si terrà a Parigi nel 2015.

«Firmare un accordo internazionale sul clima legalmente vincolante è un obbligo verso le generazioni future», racconta Veronica Caciagli, Presidente di Italian Climate Network e membro della delegazione italiana presente a GPS, composta da Federico Antognazza e dal giornalista ecologista Emanuele Bompan. «È importante creare un consenso tra i cittadini italiani sul cambiamento climatico, un fenomeno accertato a livello scientifico, per rafforzare la posizione dell’Europa nei negoziati e per fare pressione a livello globale su tutte le nazioni ONU affinché firmino un accordo. Il clima è la questione più rilevante del nostro tempo a cui si lega indelebilmente anche il nostro sviluppo e sicurezza economica del futuro».

CONTINUA A LEGGERE SU ITALIAN CLIMATE NETWORK

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...